Dimagrire: fai piccoli passi

Stampa
dimagrire-a-piccoli-passi

DIMAGRIRE: fai piccoli passi 

Il mese di settembre è ritenuto a livello di cambiamenti fisici più importante di gennaio, mese in cui si fa il bilancio dell’anno appena concluso.

Allora perché i buoni propositi fatti al rientro falliscono?

Principalmente è la difficoltà ad uscire dal confort delle nostre abitudini.

Così il più delle volte si continuano a fare le solite azioni o a non fare nulla di nuovo o, peggio ancora, a provarci senza costanza. Il risultato di un impegno discontinuo è sempre deludente e produce l’effetto negativo di demotivarci.

Il problema del sovrappeso spesso nasce dal fatto che creiamo dei modelli di comportamento basati sull’ insuccesso seguendo lo schema mentale: “Non dimagrirò mai, tutte le diete falliscono”.

Per cambiare vecchie abitudini e atteggiamenti, il segreto è avere una buona motivazione verso il cambiamento e poterla sostenere attraverso le strategie per dimagrire in linea con la propria natura e il proprio modo di essere. Ecco, allora, cinque consigli che aiutano a scegliere gli obiettivi per la dieta indispensabili a tenere alta la motivazione durante il percorso di dimagrimento.

 

1 ) Definisci chiaramente la meta desiderata

Dire che vuoi dimagrire non è sufficiente. E’ vitale che tu capisca perfettamente la situazione ideale da raggiungere e perché. Le motivazioni per una dieta sono personali, ma dire, ad esempio, che vuoi dimagrire perché così gli altri ti vedranno più bella potrebbe essere una meta finale fuorviante.

Innanzitutto perché, anche con le imperfezioni, bella lo sei già. E poi metteresti il successo del tuo percorso nelle mani del giudizio degli altri e, dal momento che non possiamo controllare le opinioni altrui, fissarsi una meta così non fa che provocare grandi frustrazioni e fa crollare la motivazione per la dieta.

Inoltre, individua una meta che sia sotto il tuo controllo e non dipenda da elementi esterni. Ad es.: “Voglio perdere peso per sentirmi più sana. Voglio perdere peso perché soffro di mal di schiena e ho bisogno di alleggerirmi. Voglio perdere peso perché ho avuto un figlio e desidero tornare alla forma che avevo prima”.

Non fermarti qui: dichiara il numero esatto di chili che vuoi perdere e in quanto tempo. Scegliere un obiettivo di dimagrimento che dipende solo da te è il primo passo per raggiungere il successo e ti darà la possibilità di delineare con chiarezza i passi successivi.

 

 2) Dimagrire: fai piccoli passi – Scegli obiettivi realistici

Una volta delineata la meta, scegli una serie di obiettivi intermedi, più facili da raggiungere e danno soddisfazione nel breve termine. Viceversa, se non riesci a raggiungerli, ti sentirai scoraggiata. Si tratta di bilanciare la sfida con la raggiungibilità: anche obiettivi troppo semplici non aiutano a motivarsi per dimagrire.

E’ importante la sfida con se stessi per ottenere l’azione ottimale, ma gli obiettivi che sceglierai devono coniugare onestamente le tue capacità e la difficoltà del compito. Forse non puoi correre 5 km la prima settimana di dieta, ma puoi riuscire a non prendere l’ascensore o a lasciare l’auto un po’ di più in garage.

dimagrire-a-piccoli-passi-organizzarsi

3) Fai un calendario degli obiettivi per la dieta

Hai deciso di perdere un kg a settimana e di fare le scale a piedi tutti i giorni. Finita la prima settimana, programma la seconda settimana sulla base dei risultati ottenuti. Hai fatto le scale dell’ufficio a piedi? Allora, la prossima settimana puoi fare a piedi anche quelle di casa. Alzare l’asticella settimana dopo settimana, sempre partendo da quello che hai effettivamente raggiunto. Questa è una delle strategie più efficaci perché sostiene la motivazione per la dieta in maniera eccellente.

Se la prima settimana non sei riuscita a fare le scale tutti i giorni mantieni lo stesso obiettivo fino a che non lo raggiungi e diventi una nuova abitudine. Usa un calendario in cui segnare i progressi e le stasi,  ti aiuterà a valutare se cambiare la strategia nel caso ti vedessi ferma sullo stesso obiettivo troppo a lungo. Infatti, se fare le scale non fa per te,  puoi cambiare con un tipo di attività che ti dà più soddisfazione e ti riesce meglio.

 

4) Scegli obiettivi per dimagrire specifici e definiti

Una volta preparato il calendario fai un bel respiro e mettilo nel cassetto per un giorno. Quando lo riprendi, verifica quello che hai scritto e rendilo ancora più specifico. Ad esempio, se hai scritto di voler fare le scale dell’ufficio a piedi, specifica quante volte a settimana.

Essere vaga è un modo per boicottarti, mentre un obiettivo specifico non mente – o lo raggiungi o no – e ti permette di verificare il raggiungimento degli obiettivi. Ricordati che il calendario lo fai per te stessa; è un momento in cui ti stai dando il potere di operare un cambiamento nella tua vita. Quindi sii onesta e tratta tutto il processo con rispetto e amore.

 

4) Trova i giusti alleati

La parte più difficile? Sentirti effettivamente responsabile di dover raggiungere gli obiettivi inseriti nel calendario. Scegli delle persone a cui parlare del tuo piano di cambiamento: degli alleati di cui ti fidi che possano sostenerti. Un amico, tuo marito/moglie o un esperto del cambiamento, come uno psicologo. Il compito del professionista non è solo fornire informazioni indicando ciò che si dovrebbe fare e come lo si dovrebbe fare.

E’ importante incoraggiare ed educare al cambiamento, senza scivolare nella coercizione, nell’ etichettatura e nel biasimo. Ognuno di noi ha bisogno di ricevere un po’ di motivazione dall’esterno e crearsi una rete di alleati è un ottimo strumento di sostegno per il raggiungimento degli obiettivi e per mantenere alta la motivazione.

Dieta, attività fisica, cambio di abitudini e atteggiamento, quale che sia la tua meta desiderata, avere qualcuno al tuo fianco la renderà più vicina.

Dott.ssa Federica Morini

Psicologa – Psicoterapeuta