Frivoli Pierluigi – Carpi: pressione alta regolarizzata

Stampa
1. Qual era il tuo bisogno quando ti sei rivolta/o a me? Avevo bisogno di capire cosa e quanto potevo mangiare visto che avevo fatto una dieta drastica da me gestita e sentivo la necessità di alimentarmi nella giusta maniera, in relazione anche ad una situazione di pressione alta.

2. Quanti mesi è durato il tuo Percorso? E’ durato pochi mesi, direi non più di 6, ma sono stati molto importanti.

3. Dicono che dimagrire sia difficile, faticoso e si fa la fame. E’ vero anche per te? Partiamo dal presupposto che io ho sbagliato ad autogestire una dieta, infatti è stato faticoso e ho patito la fame. Quando invece ho cominciato il percorso con te ho proprio capito cosa volesse dire mangiare e soprattutto mangiare bene, infatti mangiavo di più, sono calato di ulteriori 2 chili e la cosa che mi ha dato tanta soddisfazione era vedere i valori di massa grassa diminuire e quelli della “massa magra” e dei muscoli migliorare vistosamente. Ovviamente il tutto abbinato a sport…

4. Durante tutto il periodo hai rinunciato a cene, pranzi, aperitivi oppure hai saputo gestire le occasioni? Sinceramente non ho mai rinunciato, lo so che faccio fatica a rinunciare, ma ho saputo gestire le occasioni nel senso che sono sempre ligio al mio dovere per tutta la settimana e quindi la serata fuori con amici la faccio volentieri, senza rinunciare!

5. Ti sei sentito aiutato a mantenere la giusta motivazione? Assolutamente si… nel lavoro come nella vita, mi do obiettivi e per raggiungerli servono stimoli e motivazioni sempre ed è anche per questo che ad esempio oggi ti chiedo di fare un incontro…uno stimolo in più non fa mai male!

6. Sei riuscito a raggiungere il tuo obiettivo? Si.

7. Come ti senti adesso? Bene, mi rendo conto rispetto all’anno scorso che ho tanta energia e voglia in più di fare le cose, oltretutto ho potuto eliminare definitivamente una delle due pastiglie che prendevo per l’ipertensione!

8. Cosa ti è piaciuto del mio metodo? Il fatto di non sentirsi a disagio come può capitare davanti ad alcuni Dottori, io mi sento proprio di poter dire quello che penso e so che dall’altra parte c’è una persona che ti ascolta e magari fa anche una risata con te, poi ti da il consiglio professionale giusto…Frivoli