Involtini di verza e vitello, ricchi di fibre, proteine e poveri di grassi

Stampa

Involtini di verza e vitello, ricchi di fibre, proteine e poveri di grassi

Involtini di verza e vitello, ricchi di fibre, proteine e poveri di grassi

La ricetta di oggi è un classico della cucina italiana. Adoro la cucina italiana perché è ricca di verdure. Spesso però prevede lunghe preparazioni e anche l’utilizzo generoso di grassi. Per questo ho pensato di modificare la ricetta per renderla il più leggera e veloce possibile e per permetterci di gustare anche piatti non riconosciuti propriamente come “light”.

Il cavolo verza appartiene alla famiglia delle Cruciferae insieme ai broccoli, cavolfiore, cavolo cappuccio, di Bruxelles, cavolo navone, cavolo rapa, cavolo cinese.

Il cavolo verza ha note proprietà curative. Quando viene spezzato o tagliato libera una sostanza, della aglucone, con proprietà antinfiammatorie, analgesiche, antisettiche topiche. Il succo di cavolo-verza è ottimo contro la stitichezza.

Nella medicina popolare si usano gli impacchi di foglie su una giuntura dolente oppure in una zona reumatica: le molecole degli agluconi passano facilmente la cute legando le molecole algesiche a dei residui infiammatori. Il decotto di foglie di cavolo-verza sembra aiutare a combattere bronchiti e asma nonché malattie dell’apparato gastro-digerente. L’acqua di cottura è ricca in zolfo ed è utilizzata per la cura di eczemi e infiammazioni.

Come tutti i cavoli, la verza è ricca in vitamina Avitamina Cvitamina K (importante per la coagulazione del sangue) e di elementi minerali come potassio, fosforo, ferro, calcio, zolfo (quest’ultimo responsabile del tipico odore durante la cottura).

Il cavolo fermentato, i crauti, sono ricchi di colina, una sostanza che contribuisce ad abbassare la pressione sanguigna, regolarizzare l’assorbimento dei grassi nell’organismo e facilitare il passaggio di nutrienti nel sangue.

 

Dopo questa introduzione sulle molteplici proprietà del cavolo verza, vediamo come preparare questo piatto.

 

Ingredienti per 4 persone

  • 4 foglie grandi di verza
  • 400 gr di vitello macinato
  • 1 cipolla dorata grande
  • 2 carote
  • 4 cucchiai di olio EVO
  • 1 spicchio d’aglio
  • 4 pomodori pelati
  • Sale q.b.
  • Fiori di finocchio

Procedimento

  1. Lava bene le foglie di verza ed elimina la parte centrale terminale più dura delle foglie.
  2. Trita la cipolla con le carote finemente (io ho utilizzato il tritatutto).
  3. Mescola metà del trito di verdure con il macinato di carne, 1 cucchiaio d’olio, il sale e lavoralo bene con le mani.
  4. Dividi la carne in 4 porzioni uguali e metti ognuna al centro di ogni foglia.
  5. Avvolgi la carne con la foglia e tienila chiusa utilizzando uno spago per uso alimentare.
  6. In una padella poni i pomodori pelati tagliati a pezzetti, uno spicchio d’aglio, le verdure tritate e mezzo bicchiere d’acqua. Se vuoi puoi aggiungere anche del vino bianco.
  7. Appena giunge a bollore, aggiungi gli involtini, copri col coperchio e abbassi la fiamma. Per migliorare il profumo ho aggiunto dei fiori di finocchio.
  8. Lascia cuocere per 20 -30 minuti circa, aggiungendo altra acqua se evapora eccessivamente. A 5 minuti dal termine della cottura, aggiungi 3 cucchiai d’olio e lascia riposare.

 

Se questa ricetta ti è piaciuta condividila pure con i tuoi amici, aggiungi un “like” e buon appetito!