Piadine al grano saraceno, amaranto, tapioca senza glutine

Stampa
Piadine al grano saraceno, amaranto, tapioca senza glutine

Piadine al grano saraceno, amaranto, tapioca senza glutine

Sono sempre di più le persone che non riescono a digerire bene gli alimenti a base di grano, dalla pasta al pane, dai cracker alla piadina. Cambiare drasticamente le nostre abitudini alimentari non è semplice, per cui  può essere utile ricavare alimenti simili a quelli tradizionali da farine diverse dal grano come le farine derivate dal grano saraceno, dalla quinoa, dall’amaranto, dal riso.

Non sono dei veri cereali ma vengono utilizzati nella preparazione di alimenti senza glutine, consumati da chi soffre di glutine sensivity oppure di celiachia. Purtroppo però non si prestano molto alla panificazione ed è necessario creare delle miscele di farine per migliorare il gusto e la consistenza.

Oggi ti propongo le Piadine al grano saraceno, amaranto, tapioca senza glutine. Devo confessare che questa ricetta non è farina del mio sacco ma me l’ha girata la dott.ssa Elena G. che, per via delle sue intolleranze, si sta specializzando in ricette senza glutine.

La ricetta è molto semplice e rapida, puoi anche congelarle per averle già pronte la volta successiva.

Ingredienti per 12 piadine da 70 gr

  • 200 gr grano saraceno
  • 150 gr farina di amaranto
  • 150 gr di amido di tapioca o di fecola di patate
  • 10 gr gomma di guar
  • 300 gr circa di acqua (si può usare il latte al posto dell’acqua)
  • 60 gr di olio di oliva
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • 1 pizzico di lievito istantaneo per torte salate

 

Preparazione

  1. Mescola insieme tutte le farine
  2. Aggiungi l’acqua poco alla volta. Devi raggiungere una consistenza adeguata, dev’essere liscia e leggermente appiccicosa (puoi aiutarti con un cucchiaio per impastare oppure puoi utilizzare un’impastatrice)
  3. Dividi l’impasto in 12 palline, ponile su un piano infarinato con farina di grano saraceno e con l’aiuto di una spatola e di un matterello, tirare le piadine. L’impasto è un pò difficile da lavorare ma con un pò di prove si riesce.
  4. Per sollevarlo dal piano di lavoro usa sempre la spatolina, altrimenti tende a rompersi. Lascia riposare alcuni minuti.
  5. Scalda una padella per piadine o una pentola anti aderente e cuocere le piadine qualche minuto per lato (finché non diventano dorate).
  6. Si conservano benissimo in freezer. Per mantenere la morbidezza stendi le piadine ancora tiepide su di un supporto coperto con carta da forno e riponile in freezer. Una volta congelate si possono riporre nei sacchetti adatti al congelamento.
  7. Puoi farcirle con del prosciutto e verdure di stagione o oppure con del formaggio, noci e rucola o in altri modi che più gradisci per farne un pratico piatto unico, equilibrato sotto il punto di vista nutrizionale.

Spero questa ricetta ti sia piaciuta. Condividila pure con i tuoi amici sui social e aggiungi un Risultati immagini per like su Facebook e buon appetito!