Polpette di legumi, i Falafel: non tutto il fritto nuoce

Stampa

Polpette di legumi, i Falafel: non tutto il fritto nuoce

Polpette di legumi, i Falafel: non tutto il fritto nuoce

 

Ci sono numerose ricette di verdure fritte, una delle più famose del Medio Oriente è quella dei falafel.

Falafel è un cibo tradizionale egiziano e del Medio Oriente, con nomi deferenti da un paese all’altro, per esempio si chiama falafel in Iraq e Levante, ta ‘ Amiya in Egitto.

Nonostante sia un alimento fritto, ci sono studi che evidenziano le sue numerose proprietà nutrizionali per la presenza di ingredienti pieni di vitamine e anche per la sua ricchezza in fibre, rendendolo molto saziante.

I Falafel sono delle polpettine a base di ceci secchi, fave secche o entrambi, reidratati, macinati, impastati con spezie ed, infine, fritti in olio, sotto forma di polpette. Alcuni aggiungono anche prezzemolo, paprika e semi di sesamo, utilizzati per ricoprire la superficie e per dargli sapore.

 

Proprietà nutrizionali

Polpette di legumi, i Falafel: non tutto il fritto nuoce

 

 Anche se fritti, recentemente molti ricercatori scientifici europei hanno dimostrato i benefici dei Falafel sulla salute perché sono ricchi di olio d’oliva, verdure e legumi (fave o ceci o entrambe) ad alta fibra che contribuiscono al mantenimento del peso ideale, prevenendo l’obesità, il diabete e l’ipertensione arteriosa, riducendo così malattie cardiovascolari.

I Falafel contengono circa 325 calorie per 100 gr, con il 35 % di acqua, il 30% di carboidrati, il 15% di  proteine e circa il 20% tra grassi, vitamine e minerali, come potassio e magnesio.

Per abbassare la quota di grassi bisogna friggerli per non più di 3 minuti in olio bollente e far assorbire l’olio in eccesso con della carta assorbente.

La presenza di coriandolo e verdure a foglia verde fornisce Polpette di legumi, i Falafel: non tutto il fritto nuocepreziosi antiossidanti, l’aglio contribuisce a rinforzare le difese immunitarie grazie all’allicina.

Sono ricchi anche in minerali come fosforo, potassio, calcio, magnesio, zinco, ferro, vitamine del gruppo B e la vitamina k, A e beta-carotene.

I legumi secchi sono ricchi anche di melatonina, l’ormone del sonno.

La ricchezza in fibre migliora i movimenti intestinali, riducendo la stitichezza e per questo protegge dal tumore al colon.

Vediamo insieme come si preparano.


Ingredienti per 30 Falafel

  •  200 gr di ceci secchi e 200 gr di fave secche 
  •  1-2 spicchi d’aglio
  •  1 cipolla
  •  1-2 cucchiaini di semi di cumino (dipende dai gusti)
  •  1 mazzetto di coriandolo
  •  1 mazzetto di prezzemolo
  •  sale q.b.
  •  peperoncino q.b.
  • semi di sesamo
  •  olio EVO

Procedimento

  1. Metti in ammollo la sera prima i legumi, almeno per 12 ore
  2. Finito l’ammollo, mettili in una ciotola con la cipolla tritata, il prezzemolo, l’aglio, i semi di cumino, il coriandolo, sale e peperoncino
  3. Frulla tutto con un mixer per ottenere un composto omogeneo
  4. Fai con le mani delle polpettine. Io mi aiuto col cucchiaio per farle circa della stessa misura 
  5. Puoi ricoprire con i semi di sesamo
  6. Mettile in frigo per un’ora
  7. Scalda l’olio e friggi le polpette per 3 minuti
  8. Fai assorbire l’olio in eccesso con carta assorbente 

 

Essendo una ricetta che richiede del tempo, ti consiglio di farne molte per poi congelarle ed averle pronte per un altro pasto.

Se non tolleri il grano, puoi sostituire la pita con le piadine di grano saraceno.

 

Se questo articolo ti sia piaciuto condividilo pure con i tuoi amici sui social e buon appetito!