Mario T. di Carpi (MO) – rettocolite

Stampa
Testimonianza T. Mario

 Mario T. di Carpi (MO) – rettocolite

  1. Qual era il tuo bisogno quando ti sei rivolto/a a me?
    Da circa cinque anni ho scoperto di soffrire di rettocolite acuta. Questa malattia, di cui ho imparato pian piano a scoprire effetti e disturbi, è in parte condizionata dal tipo di alimentazione e per diversi anni ho provato a seguire le varie indicazioni mediche, senza grandi risultati; anzi, spesso mi ero sentito rispondere che l’alimentazione centrasse ma solo fino ad un certo punto, ricevendo indicazioni molto generiche sui cibi da evitare, quelli di cui non abusare e quelli da poter tranquillamente assumere. In questi anni, con l’aiuto di mia moglie, ho comunque dovuto navigare un po’ a vista, con benefici molto limitati.
    A seguito di un episodio acuto di infiammazione dovuto alla malattia, dopo dieci giorni di ricovero, ho cercato, coinvolgendo anche i miei figli, di trovare un nutrizionista specializzato cui sottoporre il mio caso. Così mi è stato suggerito di contattare la dott.ssa Sabrina Del Buono.


  2. Quanti mesi è durato il tuo Percorso?
    Sto seguendo la dieta indicatami dalla dott.ssa Sabrina, da cira 8 mesi. Avendo la fortuna, di avere mia moglie Angela (bravissima cuoca), molto scrupolosa e capace di eseguire tutte le indicazioni della dieta, posso dire di aver adempiuto in maniera molto precisa a quanto suggerito dalla mia nutrizionista, senza avere praticamente mai sgarrato dalle chiare e puntuali indicazioni previste nella dieta e tali da guidarmi praticamente giorno dopo giorno nel mio nuovo regime alimentare.


  3. Dicono che mangiare bene sia difficile, faticoso e si fa la fame. E’ vero anche per te? Non si fa assolutamente la fame, devo però essere onesto, seguire bene una dieta di questo tipo comporta alcune difficoltà: bisogna investirci tempo ed imparare a fare bene la spesa. Fare questo percorso in maniera approssimativa, penso non avrebbe portato a risultati così immediati come quelli di cui oggi sento i benefici.

  4. Ti sei sentito/a aiutato a mantenere la giusta motivazione? Assolutamente sì. Le visite, gli incoraggiamenti e i suggerimenti della dott.ssa Sabrina sono stati sempre preziosi, soprattutto all’inizio per capire la filosofia  del percorso alimentare che mi veniva suggerito, le possibilità di variazioni e l’importanza di prendere la dieta tutta insieme, così come pensata, per non inventarsi un percorso personale che sarebbe sicuramente stato meno fruttuoso. Il fatto di seguire il percorso alimentare con mia moglie, potendone sfruttare anche la passione, creatività e precisione, ha reso le cose più semplici.

  5. Sei riuscito/a a raggiungere il tuo obiettivo? Ad oggi direi proprio di sì, le mie analisi sono migliorate, i problemi causati dalla malattia se non superati (diciamo così per scaramanzia), sono decisamente attenuati e a questo punto l’asticella degli obiettivi si è spostata più in alto, chissà che non si possa ridurre od eliminare anche l’assunzione di qualche medicina.

  6. Come ti senti adesso?  Mi sento decisamente meglio e vedendo dei buoni risultati questo migliora anche il morale.

  7. Cosa ti è piaciuto del mio metodo? La cosa che mi è piaciuta di più è stata avere, finalmente, una chiara indicazione di cosa, come, quando e quanto mangiare. Inoltre tutto questo non si è tradotto in una drastica riduzione dei pasti, anzi avendo una chiara linea guida di cosa mangiare dalla colazione fino alla cena, i benefici sono arrivati senza sentirsi oppressi da una sensazione di rinuncia. Certamente il mio modo di alternare i cibi è variato, ma senza che questo si accompagnasse da un senso di pesantezza.

  8. Lo consiglieresti? Sicuramente mi sento di consigliare un percorso come questo, ed in particolare di affidarsi alle cure della dott.ssa Sabrina. Per la mia esperienza non posso che parlarne bene, cosa che già faccio con le persone che conosco.
Grazie Mario…
Se questo articolo ti è piaciuto condividilo pure con i tuoi amici sui social oppure aggiungi un mi piace e buona lettura!