Vellutata di sedano, cipolla e finocchio: drena e sgonfia

Stampa
Vellutata di sedano, cipolla e finocchio: drena e sgonfia

Vellutata di sedano, cipolla e finocchio: drena e sgonfia

Arrivano le festività e con esse la preoccupazione di prendere qualche chilo in più. Per prevenire e/o per rimediare ti propongo questa vellutata semplice e veloce, in vista di lauti pasti natalizi, che ti aiuterà a ridurre il gonfiore in pancia, a stimolare la diuresi e il transito intestinale.

Spesso consiglio di aprire i pasto con una vellutata calda di verdure, non solo per garantire l’apporto giornaliero di fibre e nutrienti preziosi,  ma anche per scaldare il nostro corpo e per calmare la fame che ci assale dopo una giornata di lavoro.

Vediamo insieme alcune proprietà degli ingredienti di questa ricetta.

Il sedano è noto per la sua azione diuretica, per regolare l’intestino grazie alla ricchezza in fibre ma soprattutto per la sua funzione digestiva e la capacità di potenziare l’assorbimento del gas intestinale.

La cipolla, oltre al noto effetto diuretico e digestivo, ha proprietà antiossidanti e depurative, soprattutto dai metalli pesanti per la presenza di amminoacidi solforati, cestina e metionina, che legano i metalli.

Il finocchio ha prettamente proprietà digestive. La sua costante assunzione previene e riduce i gas intestinali e l’areofagia. Lo si può assumere anche sotto forma di tisane, senza controndicazioni per bambini, anziani e donne incinta.

Ha un effetto depurativo del fegato, per cui l’ideale dopo un lauto pasto. Ricco di fibra è utile per chi soffre di stitichezza ma anche per chi è a dieta per il suo potere saziante e a basso contenuto calorico, solo 30 kcal per 100 gr.

Insieme ad altre verdure come il sedano e la cipolla, questa vellutata può essere un valido aiuto per ripulire il nostro corpo da abitudini alimentari scorrette e da inquinanti vari.

Per rendere questo piatto completo sotto il punto di vista nutrizionale, puoi aggiungere un filetto di trota salmonata al limone o delle alici gratinate al forno.

Ho scelto la soia per darle un po’ più gusto. La salsa di soia è ottenuta dalla fermentazione del legume. Vediamo insieme pregi e difetti:

  • la fermentazione dei fagioli di soia aumenta la quantità di oligosaccaridi che hanno una nota funzione prebiotica, ossia sono nutrienti per la flora batterica intestinale;
  • è un condimento poco calorico
  • la salsa di soia non può essere utilizzata da celiaci, in quanto viene preparata con il frumento
  • sfortunatamente è particolarmente ricco di sale per cui bisogna consumarlo con parsimonia ed è meglio che la eviti chi è iperteso. Il sodio in eccesso è un noto fattore di rischio per l’ipertensione

Ingredienti(per 2 persone):

  • 2 finocchi
  • 1 cipolla media
  • 2 coste di sedano
  • 1/2 patata media
  • 0,75 lt d’acqua
  • 3 cucchiai d’olio EVO
  • 2 cucchiai di salsa di soia
  • 140 gr di pane integrale tostato

 

Preparazione:

  1. Pulisci la verdura ed tagliala a piccoli pezzi
  2. Metti l’acqua in una pentola ed aggiungi le verdure
  3. Lascia cuocere a fiamma media per circa 20-30 min dal momento in cui comincia a bollire. Verifica che le verdure siano morbide.
  4. Frulla tutto con il frullatore classico oppure con quello ad immersione
  5. Tagliare il pane a cubetti e metterlo in un padellino antiaderente a tostare.
  6. Se vuoi  puoi aggiungere delle noci tostate
  7. Servi la vellutata cospargendo la superficie con un cucchiaio d’olio e la salsa di soia e il pane tostato
  8. Se piace,  aggiungi un pizzico di peperoncino.

 

Se questa ricetta ti è piaciuta condividila pure con i tuoi amici, aggiungi un “like” su Facebook e buon appetito!