/
403 Views1

Come promesso, eccomi qui per completare il discorso lasciato in sospeso lo scorso martedì.

Spesso succede che dopo aver ridotto al minimo gli alimenti incriminati (uova, carne, pesce, formaggi e derivati) i livelli di colesterolo non variano o addirittura aumentano.

DUNQUE CHE FARE?

Abbiamo visto la produzione endogena di colesterolo è regolata dall’alimentazione (meno ne mangio, più ne produco e viceversa). Se questo sistema di autoregolazione viene meno e la riduzione di assunzione dei grassi animali non è sufficiente, bisogna cambiare strategia.

 

  1. Il mondo vegetale è privo di colesterolo: legumi, cereali e verdura sono ricchi di steroli vegetali, molecole che si oppongono all’assorbimento del colesterolo,  aiutando ad abbassarne i livelli.

Diversi studi indicano come i fitosteroli possono indurre una riduzione del colesterolo LDL fino al 15%.

Comunque, l’ingestione di più di 3 g al giorno non porta a ulteriori benefici nella riduzione dei livelli di colesterolo.

In commercio sono presenti numerosi prodotti arricchiti con fitosteroli: creme spalmabili, condimenti per insalate, latte, prodotti a base di soia, yogurt, formaggi, bevande, persino salsicce e pane.

Non tutto il colesterlo vien per nuocere-Fitosteroli
Fitosteroli e colesterolo

Questi prodotti garantiscono una diminuzione del colesterolo in 4 settimane (!). Guarda caso la produzione del nostro colesterolo aumenta proprio dopo 4 settimane, la copertura garantita dalle pubblicità.

Il consumo combinato di questi tipi di prodotti alimentari inoltre può portare a dosi eccessive di steroli vegetali che possono alterare l’assorbimento di importanti sostanze come i carotenoidi e le vitamine liposolubili.

Questo potrebbe rappresentare un pericolo per individui affetti da particolari patologie e anche per i bambini, le donne in gravidanza e durante l’allattamento.

  1. L’enzima che permette la sintesi di colesterolo endogeno è detto HMG-reduttasi, e risponde a precisi segnali nutrizionali: l’enzima viene attivato dall’insulina e quindi quando è presente un eccesso di zuccheri semplici nel sangue.

 

Da questo si deduce che non è sufficiente il taglio sui prodotti animali, ma IL TAGLIO SU DOLCI E CEREALI E’ IL MODO VERAMENTE EFFICACE per abbassare il colesterolo!

 

COSA DEVO RIDURRE IN CASO DI IPERCOLESTEROLEMIA?

  • Gli alimenti raffinati come la pasta e il riso e tutti i derivati della farina bianca: pane, biscotti, crackers, grissini, merendine, tarallini, gallette, schiacciatine, gnocco, panini, etc..
  • Lo zucchero non è contenuto solo nelle torte e nei dolci. Ne troviamo molto nei succhi di frutta (anche se è riportata la dicitura “senza zuccheri aggiunti”), negli yogurt interi o magri alla frutta o bianchi dolci (ad eccezione dello yogurt bianco naturale intero o magro), nei sorbetti o ghiaccioli, nei cereali da colazione, nel cioccolato, negli snack, nella frutta sciroppata o disidratata (albicocche, pesche, prugne, fichi…), nelle bevande analcoliche in generale (aranciata, cocktail analcolici, etc.). Evita di dolcificare thè e tisane.
  • L’alcol fa lavorare di più l’enzima che produce colesterolo.
  • Sostanze come il caffè che aumentano i livelli di colesterolo.

 

COSA MANGIO ALLORA?

Per aiutare a mantenere nella norma i livelli di colesterolemia, non c’è un unico alimento salvavita che, come una pillola, lo si assume per un periodo, passa il sintomo e poi si ritorna alle vecchie amate abitudini. Bisogna equilibrare l’intera alimentazione e adottare uno stile di vita sano.

Cosa mangiare per combattere il colesterolo

 

Molti studi dimostrano che aumentare il consumo di alcuni cibi migliora il profilo lipidico nel sangue:

  • Pesce: gli omega3 contribuiscono a ridurre il rischio cardiovascolare grazie alla loro funzione anti-trombotica,anti-infiammatoria (proteggendo il colesterolo dall’ossidazione, la forma nociva che lo rende pericoloso per le arterie). Consiglio di mangiare il pesce 3 volte a settimana, alternando pesci magri a quelli più grassi: salmone, sgombro, sardine, alici.
  • Olio extravergine di oliva crudo e olive: gli omega 9 diminuiscono solo le LDL e mantenendo intatta la porzione di HDL circolanti.
  • Frutta secca (Noci, mandorle, nocciole,..), semi di girasole, zucca, i legumi, oli di semi: gli omega 3 e 6 abbassano i livelli di colesterolo. E’ bene non abusare di frutta secca e semi per il loro contenuto calorico elevato!
  • Crusca, avena e orzo: questi alimenti contengono beta-glucani che agevolano l’eliminazione del colesterolo ‘cattivo’.
  • Legumi verdura: le fibre e gli steroli vegetali in esso contenuti contrastano l’assorbimento di colesterolo a livello intestinale. Meglio sfruttare ciò che madre natura ci offre piuttosto che ricorrere agli alimenti addizionati di steroli.
  • Il tè verde: in grado di inibire l’HMG-CoA-reduttasi. Questa soluzione è fra le più ottimistiche, perché nessuna sostanza naturale è così potente da essere un farmaco ipocolesterolemizzante.

 

Non dimenticare che L’ATTIVITA’ FISICA è un tassello importante del puzzle dell’ipercolesterolemia. Condotta in modo regolare può aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari perché riduce l’indice di rischio cardiovascolare, incrementa gli HDL, facilita la riduzione del peso e  migliora in generale il sistema cardiovascolare.

E’ da preferire un’attività aerobica: marcia, ciclismo, ginnastica a corpo libero, nuoto, canottaggio, calcio, tennis, basket, pallavolo o sci da fondo. Perché l’attività fisica produca gli effetti desiderati occorre che sia a media intensità (l’allenamento a bassa intensità è praticamente inutile). Comincia sempre gradualmente per poi aumentare quando il tuo corpo sarà più allenato. Ad esempio, se ti piace camminare parti con 20 minuti al giorno, poi aumenta a 30’ , fino ad arrivare a 60 minuti di camminata.

 

COMBATTI IL COLESTEROLO A TAVOLA

COLAZIONE
Yogurt magro naturale, fiocchi d’avena al naturale, semi misti tritati (lino, girasole, etc.) e una tisana non zuccherata

SPUNTINO
1 frutto di stagione con una manciata di mandorle

PRANZO
Pasta col pesce e un contorno di zucca tagliata alla julienne e olive nere, conditi poco con olio EVO

SPUNTINO
Una piccola fetta di pane di segale con due quadratini di cioccolato extrafondente all’80%

CENA
Polpette di lenticchie e un contorno di arance e spinaci crudi

Usa sempre olio EVO a crudo, sale integrale e succo di limone o aceto di mele

 

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici e buona lettura!

 

Lascia un Commento:

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.