Le castagne fanno ingrassare?
Le castagne fanno ingrassare?

Le castagne fanno ingrassare?

Con l’autunno, da settembre  a dicembre, sulle nostre tavole arrivano i frutti dell’autunno, tra cui le castagne. Consumate arrostite, bollite o al vapore, risultano dolci al palato, per la presenza di amidi, e per questo gradite a molti. Lesse risultano meno caloriche. Sono indicate per i celiaci perchè non hanno glutine.

Perchè mangiare le castagne?

Energia rapida – amidi e zuccheri semplici

Le castagne sono molto nutrienti, contengono amidi e zuccheri semplici, offrendo energia di pronto utilizzo e tante altre sostanze per noi preziose. Come tutti gli alimenti, le castagne, se assunte nelle giuste quantità, non sono un danno per la nostra linea, tutt’altro.  100 gr di frutto offrono circa 190 kcal.

 

Ricostituente – vitamine, sali minerali

Le castagne sono una miniera naturale di nutrienti. Vediamone i principali:

  • Acido folico: 100 gr di castagne coprono circa il 15% del fabbisogno giornaliero di folati. Indicate per gli anemici e le donne in cinta.
  • Vitamina B6: 100 gr di castagne coprono circa il 25% del fabbisogno giornaliero di vitamina B6. La vitamina B6 è coinvolta nel metabolismo degli aminoacidi, degli acidi grassi e degli zuccheri e contribuisce alla formazione degli ormoni, dei globuli bianchi e rossi,  della barriera di difesa immunitaria, stimola le funzioni cerebrali e previene l’invecchiamento.
  • Sali minerali: ferro, potassio, calcio, magnesio, fosforo, zinco.

Noterai che conviene approfittare nel periodo autunnale della presenza di questi frutti, dalle proprietà ricostituenti, adatte a sportivi, donne in cinta, anemici, a chiunque fosse debilitato o volesse semplicemente fare un carico di energie buone.

Considerando che contengono amidi e zuccheri, ti consiglio di consumarle durante la giornata, quando sei in movimento, come spuntino o al posto di pane e pasta.

Ci sono controindicazioni al loro consumo?

Non ci sono controindicazioni in soggetti in salute, se consumante in quantità adeguate.

Visto l’alto contenuto di fibre, non devi esagerare nel loro consumo se soffri di colon irritabile.

Non ci sono controindicazioni per i diabetici, se consumate in quantità adeguate.

 

 

299 Views0
I fichi nella nostra dieta: benefici proprietà e controindicazioni

 

I fichi nella nostra dieta benefici, proprietà e controindicazioni

I fichi maturano d’estate e fino all’ inizio dell’autunno. All’inizio dell’estate, maturano i cosiddetti fichi “fioroni”: sono ricchi di nutrienti, di fibre anti stipsi e di minerali drenanti; i “fichi veri” maturano da agosto a settembre e i fichi tardivi arrivano in autunno.

Sono da preferire a quelli secchi, poiché quest’ultimi contengono ben 256 kcal e 58 g di zuccheri per 100 g. Meglio, quindi, i fichi freschi e ben maturi.

fichi sono frutti particolarmente delicati: in frigo possono essere conservati per un massimo di tre giorni, riposti in un sacchetto di carta per evitare lo stretto contatto col freddo e l’assorbimento di odori provenienti da altri cibi presenti nel frigorifero.

I fichi nella nostra dieta: benefici, proprietà e controindicazioni

Le proprietà di questo frutto sono notevoli e, se consumati nel modo giusto, non c’è pericolo per chi è a dieta.

  • Spuntino energizzante: dopo una bella corsa, una partita a calcetto, una nuotata,  i fichi costituisco un ottimo spuntino energizzante per l’alto contenuto di zuccheri facilmente assimilabili. Meglio evitare di mangiarli di sera quando il nostro corpo non ha così bisogno di energie da bruciare.
  • Per la pressione: un consumo elevato di sodio abbinato ad uno scarso apporto di potassio può portare all’ipertensione. Il buon contenuto di potassio aiuta a controllare la pressione sanguigna e a contrastare gli effetti del sodio che introduciamo nel nostro organismo attraverso il cibo, soprattutto quello industriale.
  • Proteggono il cuore: contengono acidi grassi Omega 3 e 6,  noti per ridurre il rischio di malattie coronariche. Le sue foglie inoltre contengono composti in grado di ridurre i trigliceridi a tutto vantaggio della salute del cuore.
  • Calcio e ferro: i frutti freschi sono ricchi di calcio, minerale essenziale nella formazione delle ossa, perché aumenta la densità e ne facilita il corretto sviluppo; e di ferro, utile nelle persone con anemia.
  • Regola l’intestino: la presenza nei fichi di fibre e mucillagini aiuta il nostro intestino ad essere più regolare.
  • Contro tosse e infiammazioni: il decotto di fichi secchi ha un’azione lenitiva nei confronti degli attacchi di tosse. Il fico ha anche proprietà antinfiammatorie sull’apparato urinario e circolatorio e anche nei confronti delle pareti intestinali, proteggendole dalle ulcere.
  • Le foglie e il Diabete: le foglie di fico sono commestibili e hanno proprietà utili per persone che soffrono di diabete in quanto sono in grado di abbassare la quantità di insulina richiesta nelle persone che necessitano iniezioni di questa sostanza.
  • Prevenzione dei tumori: la ricca presenza di fibre aiuta il nostro organismo a proteggersi dai radicali liberi e sostanze cancerogene.  Legandosi  alle sostanze nocive, la fibra ne facilita l’espulsione.
  • Acne: si può ridurre gli effetti dell’acne applicando sul viso una purea ottenuta con fichi freschi e lasciarla asciugare per 20 minuti circa.

Controindicazioni del fico

I frutti sono un alimento sconsigliato per chi soffre di diabete. Il consumo eccessivo è sconsigliato anche a chi soffre di obesità.

Visto quante proprietà? Se hai delle domande sull’argomento scrivi a [email protected]

 

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo pure con i tuoi amici sui social e buona lettura!

 

892 Views0
L’anguria buona per la linea, il cuore, le ossa e tanto altro

 

L’anguria buona per la linea, il cuore, le ossa e tanto altro

Tipica estiva, l’anguria ci accompagna in queste calde giornate per rinfrescarci con sapore. E’ un frutto  ricchissimo d’acqua, circa il 93 %.

Ogni morso di anguria ci offre livelli significativi di vitamine A, B6 e C, un sacco di licopene, antiossidanti e aminoacidi. C’è anche una modesta quantità di potassio. Inoltre,  è senza grassi, ha un bassissimo contenuto di sodio e ha solo 20 calorie per 100 gr.

 

I benefici dell’anguria:

  • CONTRO LA STANCHEZZA: l’anguria è una merenda ideale per adulti e bambini perché non solo rinfrescante ma soprattutto rimineralizzante, ottima nel periodo caldo in cui la sudorazione è facilitata
  • DOLORI MUSCOLARI: secondo uno studio del 2013 (vedi qui), bere il succo d’anguria prima dell’attività fisica, ridurrebbe il dolore muscolare il giorno successivo all’attività e la frequenza cardiaca. Ciò è dovuto alla presenza di due sostanze, citrullina e arginina, che migliorano la circolazione sanguigna
  • SAZIANTE particolarmente ricca d’acqua, l’anguria ha un buon effetto saziante, ottima nelle diete dimagranti come spuntino a basso contenuto calorico. Come ogni cosa, attenzione a non abusarne – non mangiare mezza anguria! – perché la frutta è ipocalorica se consumata in certe quantità. Contiene comunque zuccheri come il destrosio, fruttosio e saccarosio
  • DIURETICA: l’anguria è sicuramente un frutto dissetante con proprietà diuretiche e depurative dell’organismo che apportano benefici in caso di gonfiore dovuto a ritenzione idrica
  • PRESSIONE: in caso di ipertensione, la presenza di aminoacidi come la citrullina e l’arginina, contribuiscono ad equilibrare la pressione sanguigna evitando così danni al sistema cardiocircolatorio. Uno studio del 2012 (vedi qui) ha scoperto che gli estratti di anguria hanno contribuito a ridurre l’ipertensione in adulti obesi.
  • OBESITA’: la citrullina dimostrato di ridurre l’accumulo di grasso nelle nostre cellule adipose. Citrullina è un aminoacido che si trasforma in arginina a livello renale. Attraverso una serie di passaggi, l’ arginina ha la capacità di  bloccare l’attività di TNAP (fosfatasi alcalina tessuto-non specifico), che rende le nostre cellule adipose meno capaci di accumulare grassi.
  • OSSA: il licopene riduce lo stress ossidativo, causa della riduzione dell’attività degli osteoblasti (le cellule ossee coinvolte nella formazione dell’osso). L’anguria è anche ricco di potassio che aiuta a limitare la perdita di calcio.
  • ANTICANCRO, ANTIINFIAMMATORIA: il rosso dell’anguria, del pomodoro, del pompelmo rosa sono dovuti al Licopene, un pigmento che ha mostrato avere effetti protettivi sul sistema cardiovascolare, un’azione anti-ictus, abbassa la pressione, un possibile ruolo nella prevenzione di diversi tumori, prostata nell’uomo, seno nella donna. Il licopene è particolarmente utile nel ridurre l’infiammazione e neutralizzare i radicali liberi
  • SISTENA IMMUNITARIO: i carotenoidi e il licopene, senza dimenticare la vitamina C, sono forti antiossidanti che, oltre al potere anticancro, rinforzano il sistema immunitario
  • PELLE E CAPELLI: la vitamina A e il beta-carotene dell’anguria apporta benefici alla pelle ritardandone l’invecchiamento e mantenendola elastica più a lungo. La vitamina A, insieme alla vitamina C, favorisce la produzione di collagene ed elastina, sostanze base della struttura dei nostri tessuti connettivi

 

RISCHI PER LA SALUTE: le persone con iperkaliemia grave (troppo potassio nel sangue) dovrebbero consumare con moderazione l’anguria, la frutta in generale e la verdura.  Secondo il National Institutes of Health, l’iperkaliemia può causare battito cardiaco irregolare e altri problemi cardiovascolari, così come il controllo muscolare ridotto

 

Visto quanti benefici in un solo frutto? Ricorda di consumare sempre prodotti stagionali perchè ci offrono tutto ciò di cui abbiamo bisogno in quel periodo.

 

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo pure con i tuoi amici sui social e aggiungi un “like” su Facebook e buona lettura!

623 Views0